M.O.: CHIUSO L'ACCESSO A GAZA PER I NON RESIDENTI, PROTESTE DEI COLONI
M.O.: CHIUSO L'ACCESSO A GAZA PER I NON RESIDENTI, PROTESTE DEI COLONI
IL PROVVEDIMENTO IN VIGORE FINO AL TERMINE DEL RITIRO DA GAZA

Gaza, 13 lug. - (Adnkronos) - L’accesso alla Striscia di Gaza sar vietato a tutti i non residenti israeliani. La misura, stabilita stamattina dal premier israeliano Ariel Sharon, durer fino a che lo smantellamento delle colonie ebraiche nella Striscia non verr completato e ha lo scopo di limitare al massimo le proteste - prevedibili - dell’estrema destra. Il 17 agosto Israele infatti inizier lo smantellamento degli insediamenti ebraici a Gaza e temendo che l’opposizione al ritiro dalla Striscia di Gaza possa col passare dei giorni intensificarsi, il governo dello Stato ebraico ha optato per sigillare l’area fino a quando l’evacuazione non verr completata.

Immediate le proteste dei coloni. Lo Yesha Council, organismo rappresentativo delle comunit ebraiche della Giudea di Samaria e del distretto di Gaza, ha diffuso un comunicato in cui polemizza con Sharon. “E’ la prima volta nella storia di Israele - si legge nel documento - che un premier ‘assedia’ le comunit ebraiche e dichiara una parte del Paese vietata agli israeliani”. Il consiglio dei coloni spiega che il provvedimento governativo “calpesta i valori del sionismo e i diritti dei residenti della Striscia”. (segue)

(Tac/Gs/Adnkronos)