CUBA: SONDAGGIO CLANDESTINO, PER I CUBANI IL REGIME NON E' UN PROBLEMA
CUBA: SONDAGGIO CLANDESTINO, PER I CUBANI IL REGIME NON E' UN PROBLEMA
MA SI LAMENTANO DI SALARI BASSI E DISOCCUPAZIONE

L’Avana, 6 dic. - (Adnkronos) - Per la prima volta a Cuba stato svolto un sondaggio da quando in vigore il regime di Fidel Castro. L’inchiesta stata svolta dall’associazione Solidariet spagnola con Cuba e ha avuto la supervisione del sociologo Julian Santamaria, ex direttore del centro di investigazioni sociologiche (Cis), professore di Scienze politiche alla Universidad Complutense di Madrid e direttore dell’istituto Noxa.

Gli intervistatori hanno consegnato clandestinamente questionari a 541 cubani tra l’8 ottobre e il 3 novembre di quest’anno. “Il sondaggio piccolo ma molto ben fatto”, ha spiegato il sociologo in una conferenza stampa a Madrid in cui sono stati forniti i dati dell’inchiesta. Il sondaggio mostra come il 49,6% dei cubani ritiene che la situazione del Paese sia negativa (29,6%) o molto negativa (20%). Per un altro 29,2% regolare mentre il 15,3% degli intervistati la considera buona e il 4,6% molto buona.

Per il 30,5% delle persone che hanno risposto al questionario il problema principale del Paese sono i salari bassi, il costo della vita e la disoccupazione. (segue)

(Aba/Opr/Adnkronos)