PIAZZA FONTANA: IL 12 DICEMBRE 1969 LA STRAGE, CERIMONIE DOMANI A MILANO (4)
PIAZZA FONTANA: IL 12 DICEMBRE 1969 LA STRAGE, CERIMONIE DOMANI A MILANO (4)
GLI INVESTIGATORI ARRIVANO AI NEOFASCISTI FREDA E VENTURA

(Adnkronos) - I primi neofascisti ad essere individuati come coinvolti nell’attentato sono Franco Freda e Giovanni Ventura. L’indagine coinvolge Guido Giannettini, appartenente al Sid, esperto e studioso di tecniche militari. Il suo nome viene fuori nelle indagini dopo le dichiarazioni di Lorenzon, un professore di Treviso amico di Giovanni Ventura, il quale riferisce al giudice alcune confidenze fattegli da Ventura circa gli attentati dinamitardi avvenuti i quel periodo.

Valpreda si trova ancora in carcere quando nel 1971, si scopre per caso un arsenale di munizioni Nato in casa di un esponente veneto di Ordine Nuovo. Tra le armi ritrovate sono presenti delle casse dello stesso tipo di quelle utilizzate per contenere gli ordigni deposti in Piazza Fontana. (segue)

(Gio/Zn/Adnkronos)