IRAN: FARNESINA, ACCERTAMENTI SU SEQUESTRO FONDI AMBASCIATA IRANIANA
IRAN: FARNESINA, ACCERTAMENTI SU SEQUESTRO FONDI AMBASCIATA IRANIANA

Roma, 11 dic. - (Adnkronos) - Il ministro degli Esteri Gianfranco Fini ha disposto un accertamento dei fatti descritti nei giorni scorsi da alcuni quotidiani in merito all’intervento della Farnesina sulla questione del sequestro giudiziario dei fondi bancari dell’ambasciata iraniana a Roma. Da tale accertamento, si apprende al ministero, emerso chen el caso di sequestri di beni afferenti ad una rappresentanza Diplomatica, la Farnesina ricorda sempre e per prassi al Tribunale competente l’immunit dalla giurisdizione garantita alle Ambasciate estere in base alla Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche, resa esecutiva in Italia con la Legge n. 804 del 9 agosto 1967.

In secondo luogo, l’intervento del ministero degli Esteri attiene quindi esclusivamente agli aspetti procedurali di casi del genere. Ne riprova il fatto che il ministero intervenuto negli ultimi mesi per sei casi concernenti altri Stati: Argentina, Albania, Russia, Cina, Turchia e Angola. Le considerazioni di carattere politico contenute nella lettera al Tribunale di Roma, e riferite dalla stampa, sono pertanto ingiustificate, tali da adombrare un inesistente intervento della Farnesina anche nel merito della vicenda e hanno pertanto indotto il ministro a prendere i provvedimenti del caso nei confronti del funzionario responsabile, Umberto Colesanti.

Nel ribadire, infine, la pi dura condanna di qualsiasi attivit diretta o indiretta a sostegno del terrorismo, Fini auspica che anche in questo drammatico caso la giustizia possa fare il suo pieno corso e le famiglie possano ricevere il dovuto risarcimento nel rispetto del vigente diritto internazionale.

(Ses-Nap/Pe/Adnkronos)