TERRORISMO: ETIOPE SPEDITO DA CIA E MI6 IN MAROCCO E TORTURATO (2)
TERRORISMO: ETIOPE SPEDITO DA CIA E MI6 IN MAROCCO E TORTURATO (2)

(Adnkronos) - Mohammed arriva nel 1994 a Londra, dove si stabilisce e s’iscrive al college, lontano da certo fanatismo di matrice islamica. Nel giugno del 2001 si reca in Pakistan per disintossicarsi dalle droghe, di cui fa uso. Viene arrestato in aeroporto prima di imbarcarsi per tornare in Gran Bretagna per alcune irregolarit sul passaporto.

Interrogato dalle autorit pachistane e brtianniche, Mohammed racconta al suo legale, Clive Stafford Smith: “I britannici hanno fatto un controllo e poi hanno detto che ne avrebbero parlato con gli americani”. E’ stato davanti ad agenti dell’Fbi e dell’MI6 che a Mohammed sono stati imputati reati legati al terrorismo e minacciati abusi in un Paese arabo.

Dopo giorni di interrogatori, scrive il foglio britannico, il ragazzo stato trasferito da Islamabad in Marocco a bordo di un volo della Cia. Il racconto che segue quello che descrive chi stato sottoposto alla pratica della rendition, uomini vestiti di nero che svestono il sospetto terrorista, somministrano un clistere e lo addormentano con un sonnifero. I 18 mesi di prigionia in Marocco che seguono si caratterizzano per violenze, anche sessuali, di ogni genere. (segue)

(Abi/Pe/Adnkronos)