USA: CROCIATA A DIFESA DEL NATALE, NEL MIRINO BIGLIETTI AUGURI DI BUSH (2)
USA: CROCIATA A DIFESA DEL NATALE, NEL MIRINO BIGLIETTI AUGURI DI BUSH (2)
PER CATTOLICI FERVENTI CASA BIANCA IN PREDA A CORRETTEZZA POLITICA

(Adnkronos) - L’offensiva in atto, con tanto di levata di scudi a difesa dei valori tradizionali che dovrebbero permeare la societ, e serve una replica da Washington, che immancabilmente arriva, questa volta per bocca della portavoce della first lady. “Certamente i Bush, per via della loro fede, celebrano il Natale - mette una pezza Susan Whitson - i bigliettini inviati negli ultimi anni augurano buone vacanze piuttosto che buon Natale, perch arrivano a persone di tutte le fedi”.

Replica che non poteva certamente soddisfare chi vede nella polemica l’occasione per lanciare l’ennesima crociata, dopo aver passato in rassegna le ‘debolezze’ del darwinismo e fatto la fortuna della cosiddetta teoria del disegno intelligente, che di scientifico ha davvero poco. Chi combatte in prima linea Tom Wildmon, presidente dell’Associazione americana per la famiglia, con sede a Tupelo, Mississippi. “Spesso difficile dire se si tratti di un presagio funesto, l’epurazione di Cristo dal Natale, o se si in preda al politically correct - si domanda inquieto Wildmon, dandosi anche la risposta - Credo che nel caso della Casa Bianca sia solo un fatto di correttezza politica”.

“Mi infastidice - aggiunge - che i biglietti della Casa Bianca non facciano riferimento a Ges, mentre abbiamo le celebrazioni per il Ramadan. Cosa sta succedendo?”.

(Abi/Zn/Adnkronos)