ALTO ADIGE: PROGETTO INTERREG III, GLI OBIETTIVI RAGGIUNTI
ALTO ADIGE: PROGETTO INTERREG III, GLI OBIETTIVI RAGGIUNTI

Bolzano, 12 dic. - (Adnkronos) - Il sostegno di prodotti di qualita' nell'area alpina, la creazione di una rete transfrontaliera e il rafforzamento della competitivita' dell'agricoltura nello spazio di montagna: questi sono gli obiettivi perseguiti dalla Ripartizione provinciale Formazione agraria, forestale e di economia domestica con la partecipazione al Progetto Interreg III B denominato ''Neprovalter'', al quale hanno collaborato, oltre alla Provincia di Bolzano, le Regioni Friuli Venezia Giulia, Veneto, Aosta, Liguria, la Provincia di Pordenone, l'universit di Lubiana (Slovenia), le regioni austriache di Carinzia e Stiria.

L'Alto Adige si e' concentrato su specifiche iniziative riguardanti la carne biologica, la produzione locale di alimentari agricoli e la rete transnazionale di fattorie alpine didattiche.Nella ''due giorni'' conclusiva a Tarvisio, e' stato fato il punto delle azioni avviate; e l'assessore all'agricoltura della Provincia autonoma di Bolzano Hans Berger ha rilevato: ''Nel quadro di questo progetto sono state recuperate ad Anterivo la coltivazione e la commercializzazione di una specie particolare di lupino per la preparazione del Caffe' di Anterivo; una seconda iniziativa ha riguardato la carne biologica: un gruppo di allevatori di vacche nutrici biologiche ha fondato il 'Circolo carne biologica - ArGe' con l'obiettivo di raggiungere una produzione uniforme, un'ottimale commercializzazione ed un'alta valorizzazione della carne bio.(segue)

(Waf/Pe/Adnkronos)