BANKITALIA: NEL MIRINO PROCEDURA UE LE ISTRUZIONI VIGILANZA ITALIA
BANKITALIA: NEL MIRINO PROCEDURA UE LE ISTRUZIONI VIGILANZA ITALIA
DOMANI L'APPORVAZIONE DELLA COMMISSIONE SENZA DISCUSSIONI

Bruxelles, 12 dic. - (Adnkronos/Aki) - Le lacune nelle istruzioni di vigilanza della Banca d'Italia che non specificherebbero a sufficienza i criteri per determinare in anticipo l'esclusivit del controllo di un istituto e la sua stabilit. E' questo l'aspetto della legislazione nazionale nel mirino della Commissione europea che domani aprir una procedura d'infrazione contro l'Italia per il trattamento delle opa straniere da parte di Via Nazionale. In particolare, nella lettera di messa in mora che il commissario Ue per il Mercato Interno Charlie McCreevy presenter al collegio dei commissari per l'adozione finale, si cita solo il caso dell'offerta lanciata dalla banca spagnola Bbva su Bnl e, spiegano fonti vicine al dossier, non si menziona il caso dell'opa dell'istituto olandese Abn Amro su Antonveneta.

In pratica, spiegano a Bruxelles, i dubbi dell'esecutivo Ue riguardano degli aspetti delle "istruzioni di vigilanza che non consentirebbero di comprendere in anticipo come sar determinata l'esclusivit del controllo". Ed in questo punto, spiegano le stesse fonti, "che la legislazione secondaria violerebbe l'articolo 56 del Trattato Ue sulla libera circolazione dei capitali nei paesi membri". Stamani i capi di gabinetto dei vari commissari europei hanno dato il loro via libera all'avvio della procedura ed il caso stato inserito nell'ordine del giorno della riunione del colleggio Ue di domani a Strasburgo come punto 'a' cio da approvare automaticamente, senza discussione. (segue)

(Cim/Ct/Adnkronos)