FARMACI: FEDERFARMA LOMBARDIA, VENDITA AL SUPERMARKET DANNO PER CITTADINI
FARMACI: FEDERFARMA LOMBARDIA, VENDITA AL SUPERMARKET DANNO PER CITTADINI
GRADNIK - BOOM DEI CASI DI ABUSO, SI GIOCA COL FUOCO

Milano, 12 dic. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - No ai farmaci da banco al supermarket. ‘’Chi inneggia al mercato libero degli Otc gioca col fuoco. I prodotti da automedicazione non sono caramelle, ma possono essere pericolosi, e vendendoli fuori dalla farmacia si rischia di impennare i casi di abuso, che stanno gia’ facendo registrare un pericoloso boom’’. A pochi giorni dall’intesa tra ministero della Salute e Federfarma sull’applicazione del decreto Storace, e dopo le nuove polemiche tra sostenitori e contrari ai medicinali al supermercato, Federfarma Lombardia ribadisce oggi il suo ‘’no assoluto all’operazione ‘aspirina per tutti’’’. Che nei Paesi europei in cui e’ stata portata a termine, ‘’non piu’ di 5 o 6 su 25’’, ha evidenziato vari problemi tanto che ‘’alcune nazioni, per certi tipi di farmaci, stanno facendo marcia indietro’’.

Questa mattina a Milano, in occasione del tradizionale incontro pre-natalizio con i giornalisti, il presidente dell’associazione Paolo Gradnik ha invece annunciato ‘’l’impegno e la disponibilita’ totale dei farmacisti a ripensare, migliorandolo, il modello italiano di farmacia. Nonche’ a collaborare con le societa’ medico-scientifiche e a investire per nuovi progetti di monitoraggio sul consumo dei medicinali non rimborsati dal Ssn’’. Sotto la lente ‘’soprattutto lassativi, vasocostrittori nasali e analgesici. Questi ultimi in particolare’’, ha precisato Alessandro Carletti, consigliere di Federfarma Lombardia delegato alla comunicazione, ricordando ‘’gli studi sui danni del paracetamolo al fegato’’ e ‘’la comparsa di una nuova forma di mal di testa, chiamata ‘Moh’ e legata proprio al cattivo uso di questi prodotti: colpisce il 3% delle persone in Usa e l’1-2% in Italia, dove rappresenta il 10% del casi segnalati ai Centri cefalee’’. (segue)

(Sal/Ct/Adnkronos)