UE: ASSEGNATI PREMI BUONE PRATICHE PREVENZIONE RUMORE SUL LAVORO (2)
UE: ASSEGNATI PREMI BUONE PRATICHE PREVENZIONE RUMORE SUL LAVORO (2)
SPIDLA, PROBLEMA IN CRESCITA IN EUROPA

(Adnkronos/Labitalia) - ''Il rumore nei luoghi di lavoro -ha affermato Vladimir Spidla, commissario europeo per l'Occupazione, gli Affari sociali e le Pari opportunit- e' un problema in crescita in Europa, dalle aziende alle fattorie, dal mondo dello spettacolo ai servizi. Piu' di 13 milioni di lavoratori hanno riportato patologie dell'udito sul lavoro. Il rumore va al di la' delle singole patologie dell'udito. Puo' causare infortuni, perdita della voce e incremento dello stress. La nuova direttiva europea, che verra' recepita in tutti gli Stati membri nel febbraio 2006, riduce i livelli di rumore a cui i lavoratori possono essere esposti -ha spiegato- e impone ai datori di lavoro misure per l'eliminazione o riduzione al minimo dei rischi''.

Secondo Hans-Horst Konkolewsky, direttore dell'Agenzia europea per la sicurezza e salute sul lavoro, ''l'intera comunita' che si occupa di sicurezza e salute sul lavoro in Europa e' determinata ad adottare misure piu' efficaci per ridurre questo tragico tributo e di conseguenza per migliorare sia la qualita' del lavoro che la competitivita' delle imprese europee''. ''Le strategie e le soluzioni presentate al vertice -ha concluso- indicano come una prevenzione efficace dei rumori sia possibile e, grazie a metodi efficaci in relazione ai costi, alla portata anche di imprese di dimensioni ridotte''.

(Lab/Ct/Adnkronos)