LIBANO: GLI ATTENTATI A BEIRUT DOPO L'ASSASSINIO DI HARIRI /SCHEDA
LIBANO: GLI ATTENTATI A BEIRUT DOPO L'ASSASSINIO DI HARIRI /SCHEDA
(RIF .''LIBANO: AUTOBOMBA, UCCISO DEPUTATO ANTISIRIANO TUENI'')

Beirut, 12 dic. (Adnkronos) - L’attentato in cui sono rimasti uccisi oggi a Beirut il deputato e giornalista Gibran Tueni e tre sue guardie del corpo l’ultimo di una lunga serie tragicamente iniziata con l’uccisione dell’ex premier libanese Rafik Hariri, lo scorso 14 febbraio, e strettamente intrecciata alle vicende dell’affrancamento del Libano dalla tutela siriana. La nuova stagione di sangue era stata anticipata il primo ottobre 2004 dal fallito attentato contro Marwan Hamadeh, stretto collaboratore del leader druso Walid Jumblatt e ministro nell’ultimo governo Hariri, ma anche zio di Tueni. Hamadeh, come Hariri, si era dimesso dopo che Damasco aveva imposto il prolungamento del mandato del presidente filo siriano Emile Lahoud. Ecco la lista degli ultimi attentati:

14 febbraio 2005: Rafik Hariri muore assieme ad altre 20 persone in un attentato a Beirut. Il deputato ed ex ministro Bassel Feleihan, gravemente ferito nell’esplosione, morir il 18 aprile.

19 marzo: undici persone rimangono ferite nell’esplosione di un’autobomba nel quartiere residenziale cristiano di Jdeide, alla periferia nord di Beirut. (segue)

(Ses/Ct/Adnkronos)