LIBANO: JUMBLATT ACCUSA LA SIRIA PER ATTENTATO A TUENI
LIBANO: JUMBLATT ACCUSA LA SIRIA PER ATTENTATO A TUENI
CONSIGLIO ONU DEVE ESAMINARE IL RAPPORTO SU OMICIDIO HARIRI

Beirut, 12 dic. (Adnkronos)- Il leader druso Walid Jumblatt ha accusato la Siria dell’attentato in cui stato ucciso oggi il deputato cristiano e giornalista Gebran Tueni, in una dichiarazione alla rete televisiva al Jazeera. Alla domanda se non si trattava di un’accusa precipitosa, Jumblatt ha risposto: “Questa la mia lettura della situazione. Abbiamo avuto abbastanza uccisioni. Tueni stato colpito perch era la voce della libert, e cos gli altri come lui”.

Intanto, appena si diffusa la notizia della morte di Tueni, diversi libanesi sono scesi in strada accusando la Siria e gridando: “hanno ucciso la libera voce della stampa” . Nell’attentato sono morte altre tre persone.

Lo zio di Tueni, il ministro delle Telecomunicazioni Marwan Hamadeh, sfuggito in ottobre ad un simile attentato, ha chiesto “un processo internazionale per condannare il regime siriano dei crimini contro il Libano” e preannunciato le sue dimissioni dal governo.

Tueni, direttore e proprietario del quotidiano an Nahar, era noto come deciso avversario dei siriani ed era stato eletto deputato in primavera nella lista di Saad Hariri, figlio dell’ex premier Rafik Hariri assassinato in febbraio. L’attentato contro di lui avvenuto poche ore dopo la consegna al segretario generale dell’Onu Kofi Annan del rapporto del procuratore Detlev Mehlis sull’assassinio di Rafik Hariri. N Mehlis, n Annan hanno fatto commenti sul contenuto del rapporto che verr ora sottoposto al Consiglio di Sicurezza. Un primo rapporto preliminare puntava il dito contro alti funzionari siriani.

(Cif/Zn/Adnkronos)