M.O.: FINI, UE NON ADOTTERA' RAPPORTO SU GERUSALEMME EST (2)
M.O.: FINI, UE NON ADOTTERA' RAPPORTO SU GERUSALEMME EST (2)
'MA MINISTRI RESTANO PREOCCUPATI PER SITUAZIONE, STATUS DA DECIDERE CON ROAD MAP'

(Adnkronos) - Il titolare della Farnesina ha inoltre sottolineato con soddisfazione che le sue osservazioni sono state sostenute anche dal ministro spagnolo Miguel Angel Moratinos, che stato gi inviato speciale in Medio Oriente. Anche l’alto rappresentate della politica estera e di sicurezza dell’Ue Javier Solana e il commissario alle relazioni esterne Benita Ferrero-Waldner “hanno ritenuto fondate” le argomentazioni italiane.

Fini ha comunque sottolineato che “questa decisione odierna non significa in alcun modo che i ministri dell’Unione Europea non siano consapevoli di quanto accade a Gerusalemme Est e che sono preoccupati”. Perch, ha proseguito il ministro, “ di tutta evidenza, anche per il governo italiano, che lo status di Gerusalemme Est non pu che essere definito nell’ambito della road map e d’intesa tra le due parti. Cos come altrettanto evidente che il confine dello Stato palestinese non pu essere precostituito da iniziative che siano irreversibili, e qui mi riferisco alla barriera di protezione, perch ci significherebbe il venir meno di una delle condizioni fondamentali della road map”.

Il ministro ha inoltre aggiunto che nella conclusioni del Consiglio europeo di gioved e venerd “vi sar un riferimento alla questione mediorientale e alla volont di lavorare convintamente per il successo del processo di pace e per il sostegno alle parti nell’uno e nell’altro campo che sono impegnate in tal senso”. Fini ha concluso che “a convincere dell’inopportunit di pubblicare il documento milita anche il fatto che per la prima volta e con soddisfazione di tutti l’Ue gioca un ruolo attivo” nella regione: il riferimento alla missione di osservatori al posto di frontiera di Rafah, tra Striscia di Gaza ed Egitto.

(Gdr/Col/Adnkronos)