PENA MORTE: AMNESTY, APPELLO A CIAMPI PER SALVARE CONDANNATO GIAPPONESE
PENA MORTE: AMNESTY, APPELLO A CIAMPI PER SALVARE CONDANNATO GIAPPONESE
MOBILITAZIONE DEL GRUPPO DI NAPOLI DELL'ORGANIZZAZIONE PER DIFESA DIRITTI UMANI

Roma, 12 dic. - (Adnkronos) - Il gruppo di Napoli di Amnesty International ha inviato un appello al Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, affinche’ si facci aportavoce presso le autorita’ giapponesi della richiesta, da parte di migliaia di cittadini italiani, di commutare la condanna a morte di Tomizo Ishida, che domani compie 84 anni e che gli ultimi trenta li ha trascorsi nel braccio della morte del carcere di Tokio.

Il gruppo di Napoli di Amnesty si occupa del caso di Ishida da oltre dieci anni organizzando raccolte di firme, inviando periodicamente lettere alle autorita’ giapponesi e da qualche anno organizzando una mobilitazione annuale in occasione del compleanno del prigioniero. E inoltre, domani sara’ l’‘e-mail day’, che ha l’obiettivo di far giungere il maggior numero di appelli alle autorita’ giapponesi in favore di Ishida, il condannato piu’ anziano del Giappone, in attesa di un’esecuzione che, come e’ caratteristico in questo paese, puo’ avere luogo da un giorno all’altro, senza preavviso.

Ishida e’ stato giudicato colpevole dell’omicidio di due donne, una delle quali era la sua compagna, commessi nel 1973. Arrestato l’8 ottobre 1974, e’ stato condannato a morte dalla Corte distrettuale di Urawa nel 1980. La sentenza e’ stata confermata dall’Alta corte nel 1983 e dalla Corte suprema nel 1989. (segue)

(Giz/Ct/Adnkronos)