UE: AG, POLITICA ESTERA COMUNE INIZI SU SITUAZIONE CINA
UE: AG, POLITICA ESTERA COMUNE INIZI SU SITUAZIONE CINA
SERVE INTERVENTO NETTO E FORTE SU DIRITTI UMANI

Roma, 12 dic. - (Adnkronos) - “Il vicepremier Gianfranco Fini ha ragione quando parla di Unione europea: quello che manca una compatta politica estera, che potrebbe iniziare gi da subito con una ferma presa di posizione verso gli ultimi casi di violazione dei diritti umani in Cina”. Lo affermano Giorgia Meloni, presidente nazionale di Azione giovani e Giovanni Donzelli, presidente nazionale di Azione universitaria. “Quello che accaduto nel villaggio di Dongzhou, e che viene considerato da importanti organizzazioni come Amnesty International quasi alla stregua del massacro di piazza Tienanmen per numero di vittime, nonostante il bilancio ufficiale diffuso dal governo, soltanto l’ultimo di una serie infinita di episodi -aggiungono i due giovani di An- che si ripetono da troppo tempo.

“L’Ue ha il dovere di mantenere salda la sua credibilit attraverso un intervento netto e forte non solo con le parole ma anche con i fatti, attraverso una sospensione degli accordi commerciali esistenti con il Paese asiatico fino a quando non saranno fornite delle risposte plausibili e delle spiegazioni chiarificatorie sugli innumerevoli casi di violenza gratuita che riempiono le pagine di cronaca da mesi. Accordi -concludono Meloni e Donzelli- che potranno riprendere soltanto dopo il rispetto di quei diritti umani fondamentali che in Cina continuano ad essere offesi.Il governo italiano, da parte sua, chiamato a dare il buon esempio con l’interruzione delle importazioni ed esportazioni”.

(Red-Pol/Ct/Adnkronos)