NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA
NOTIZIE FLASH: 3/A EDIZIONE - LA CRONACA

Torino. Non una manifestazione no-Tav con corteo per le vie del centro torinese, sabato 17 dicembre, ma un grande happening all’aperto al parco della Pellerina con Beppe Grillo e Dario Fo. Ad annunciarlo, oggi pomeriggio, e’ stato il presidente della Comunita’ montana Bassa Valle di Susa, Antonio Ferrentino. ‘’In presenza di un confronto come quello che abbiamo ottenuto a Roma -ha spiegato Ferrentino- non si scende in piazza’’. In particolare, a preoccupare gli enti locali valsusini e torinese sull’esito della manifestazione, sono i possibili disordini derivati dalla partecipazione al corteo di gruppo anarco-insurrezionalisti. ‘’Se la manifestazione andasse bene -ha illustrato Ferrentino- non aggiungerebbe nulla al nostro movimento, se andasse male si danneggerebbe’’. Ferrentino, poi, si e’ detto soddisfatto dell’accordo raggiunto a Palazzo Chigi a Roma. ‘’E’ un ottimo punto di partenza -ha continuato Ferrentino- apporteremo alcune modifiche. Il nostro movimento e’ cresciuto talmente tanto che attualmente, in poche ore, siamo di grado di far scendere in piazza 50 mila persone, basta qualche telefonata e sms. Il governo deve tenere conto di questo fatto’’. Intanto, l’emergenza alta Velocita’ sara’ uno degli argomenti che il consiglio comunale di Torino affrontera’ questa sera. In discussione, c’e’ proprio la grande manifestazione Anti-Tav di sabato prossimo, gia’ bocciata dai valsusini. Il sindaco Sergio Chiamparino, effettuera’ delle ‘’comunicazioni’’ all’assemblea, mentre e’ prevista anche la votazione di un ordine del giorno sull’argomento. Il programma della manifestazione prevedeva un corteo che, partendo dalla stazione ferroviaria di Porta Susa si sarebbe dovuto snodare per le vie del centro. In attesa delle decisioni di palazzo Civico, sul fronte giudiziario continuano le indagini della Procura di Torino sugli episodi di violenza avvenuti a Venaus durante la manifestazione dell’8 dicembre, quando il cantiere per la costruzione dell’Alta Velocita’ fu occupato dai dimostranti. Una trentina le persone identificate: i magistrati torinesi ora stanno visionando foto e filmati della protesta per accertare le responsabilita’. (segue)

(Pab/Opr/Adnkronos)