AFGHANISTAN: MALABARBA (PRC), COMANDANO I SIGNORI DELLA GUERRA
AFGHANISTAN: MALABARBA (PRC), COMANDANO I SIGNORI DELLA GUERRA
C'E' LA PIU' FORTE RIPRESA DI NARCOTRAFFICO, NECESSARIO RITIRO NOSTRI SOLDATI

Roma, 20 dic. (Adnkronos) - “Il teatro di guerra mediorentale, solo formalmente diviso tra Afghanistan e Iraq, unico ed unico il comando a cui l’Italia partecipa pienamente con il generale Del Vecchio, a capo di 10.000 soldati in territorio afgano di cui 2000 italiani”. Lo afferma, a proposito dell’autobomba contro gli alpini a Herat, il presidente dei senatori del Prc, Gigi Malabarba, secondo il quale “ chiaro che il nostro contingente un obiettivo delle milizie talebane, tanto pi che fuori Kabul il paese in mano ai signori della guerra, altro che democrazia”.

“Non solo -aggiunge Malabarba- non c’ ripristino della democrazia, n miglioramento delle condizioni di vita, proprio a partire dalle donne, ma l’unica vera fonte di ricchezza data dalla ripresa su larga scala dalla produzione di oppio, quasi estinta sotto i Talebani, che prende poi la strada dei Balcani e nel Kosovo, anch’esso occupato militarmente con un ruolo di comando italiano, si trasforma in eroina, attraverso una delle grandi raffinerie d’Europa”.

“Mi chiedo se solo a Rifondazione comunista e al senatore Giulio Andreotti, che pi volte ha segnalato il problema, interessa che i nostri militari finiscano col garantire con la loro presenza la pi forte ripresa del narcotraffico degli ultimi decenni. Una ragione in pi, per quel che ci riguarda-conclude- per chiedere l’immediato ritiro delle truppe italiane da tutto il teatro di guerra mediorentale”.

(Pol-Fan/Col/Adnkronos)