IRAQ: AL SADR, PRESENZA MILITARE USA COMPLICA FUTURO POLITICO
IRAQ: AL SADR, PRESENZA MILITARE USA COMPLICA FUTURO POLITICO
LEADER RADICALE SCIITA, BADANO A LORO INTERESSI E NON A QUELLI DEL POPOLO

Baghdad, 20 dic. - (Adnkronos/Dpa) - Il predicatore radicale sciita Muktada Al Sadr ha affermato che la presenza militare degli Stati Uniti in Iraq complica il futuro politico del paese, per cui necessario il ritiro delle truppe. “La presenza dell’occupante rende difficoltoso il processo politico ed elettorale, perch l’occupante persegue maggiormente i propri interessi, piuttosto che quelli del popolo iracheno”, ha riferito Al Sadr all’agenzia di stampa tedesca ‘Dpa’.

Secondo Al Sadr gli Stati Uniti, come forza militare d’occupazione, intendono favorire l’arrivo al potere di leader vicini alle loro posizioni, leader che, a suo avviso, non saranno in grado di servire gli interessi degli iracheni. Il giovane leader radicale sciita ha quindi proposto la creazione di una commissione indipendente formata da rappresentanti di ogni partito politico, incaricata di sovrintendere all’evoluzione della situazione post-elettorale nel paese.

Al Sadr ha comunque definito una “vittoria per il processo politico” la partecipazione dei sunniti alle elezioni parlamentari di gioved scorso.

(Psv/Col/Adnkronos)