USA: W POST, GLI AMERICANI RIVOGLIONO LE LORO LIBERTA'
USA: W POST, GLI AMERICANI RIVOGLIONO LE LORO LIBERTA'
NON SONO PIU' I GIORNI CAOTICI SEGUITI AGLI ATTACCHI DELL'11/9

Washington, 20 dic. - (Adnkronos) - “Quando gli attacchi dell’11 settembre erano impressi nella memoria della nazione, molte persone sono passate sopra a quanto era necessario per la sicurezza del Paese. Ora che un attacco sembra meno plausibile, gli americani vogliono riprendersi velocemente le loro libert civili. Bush invece non pu permettersi di dimenticare”. Cos il Washington Post fotografa in un editoriale intitolato “Siamo andati oltre” un’America guidata da un presidente deteminato a proseguire con le intercettazioni “perch ha l’autorit” per farlo, e a dare alla sicurezza la stessa priorit di quattro anni fa. Il rischio se gli Stati Uniti “stiano diventando compiacenti verso la minaccia terroristica”, in nome della quale, tutto o quasi ha una sua giustificazione.

“E’ giusto che il presidente tenga la minaccia terroristica in cima alle sue priorit - scrive il Post in un editoriale - E’ per legittimo chiedere: se ci fosse un attacco domani, il giorno dopo ci lamenteremmo ancora per la tortura, le detenzioni segrete e lo spionaggio di americani?”. “La risposta s, ci lamenteremmo, e non solo per il danno arrecato al cuore dei valori e delle tradizioni americane”.

“E’ naturale che nei giorni e nelle settimane di caos seguite all’11 settembre, l’amministrazione abbia usato ogni strumento a disposizione - conclude il giornale - quello che resta pi difficile da capire questo scavare dell’amministrazione in ogni eccesso anche se c’ stato il tempo per riprendere fiato”.

(Abi/Zn/Adnkronos)