ETIOPIA: AMNESTY, PRIGIONIERI DI COSCIENZA PROCESSATI PER TRADIMENTO (3)
ETIOPIA: AMNESTY, PRIGIONIERI DI COSCIENZA PROCESSATI PER TRADIMENTO (3)

(Adnkronos) - La Missione di osservazione elettorale dell’Unione europea, in un rapporto preliminare dell’agosto 2005 e nella versione definitiva pubblicata nel marzo di quest’anno, ricorda Amnesty, ha espresso gravi riserve sulla correttezza delle elezioni. Il primo ministro etiope, Meles Zenawi, ha definito il rapporto preliminare ‘spazzatura’ e non ha risposto a quello finale. Altre critiche, provenienti dai paesi donatori, sono state respinte dal governo. La scorsa settimana i principali donatori hanno nuovamente chiesto la scarcerazione degli oppositori, dei giornalisti e degli esponenti della societa’ civile.

L’Ambasciatore del Gruppo dei donatori ha affermato che tutti i leader eletti dovrebbero avere la possibilita’ di prendere parte al processo di riconciliazione politica. A gennaio, il governo britannico ha cancellato aiuti per 88 milioni di dollari, motivando la propria decisione con preoccupazioni per le modalita’ di governo e per le violazioni dei diritti umani nel periodo successivo alle contestate elezioni.

Amnesty ha sollecitato la comunita’ internazionale ad aumentare gli sforzi per agire in modo imparziale ed efficace per il rispetto dei diritti umani in Etiopia, in linea con gli impegni in materia di diritti umani dei governi, dei paesi domatori e delle organizzazioni intergovernative come l’Onu, l’Unione africana e l’Unione europea.

(Giz/Pe/Adnkronos)