ETIOPIA: AMNESTY, PRIGIONIERI DI COSCIENZA PROCESSATI PER TRADIMENTO
ETIOPIA: AMNESTY, PRIGIONIERI DI COSCIENZA PROCESSATI PER TRADIMENTO
SONO 76 I DETENUTI TRA CUI AVVOCATI E EX INVIATO SPECIALE DELL'ONU

Roma, 2 mag. - (Adnkronos) - Il governo dell’Etiopia rilasci immediatamente e senza condizioni le decine di parlamentari, difensori dei diritti umani e giornalisti che da oggi sono sotto processo con l’accusa di tradimento. E’ quanto chiede Amnesty International al governo di Addis Abeba in un rappoorto pubblicato oggi dal titolo “Etiopia: prigionieri di coscienza sotto processo per tradimento” e in cui l’organizzazione afferma che si tratta di 76 prigionieri di coscienza che non hanno usato o promosso violenza. Nel rapporto Amnesty presenta una prima analisi del procedimento e delle incriminazioni, nonche’ un profilo degli imputati, tra cui figurano diversi avvocati, accademici e un ex Inviato speciale dell’Onu.

Il documento elenca una serie di preoccupazioni sui rischi legati a un processo iniquo e di raccomandazioni al governo di Addis Abeba e alla comunita’ internazionale. “Questo processo ci preoccupa molto e ha grandi implicazioni per i diritti umani, la liberta’ d’informazione e la democratizzazione in Etiopia - ha dichiarato Amnesty - Sara’ un test decisivo per valutare l’indipendenza e l’imparzialita’ del sistema giudiziario del paese”.(segue)

(Giz/Pe/Adnkronos)