IRAN: USA, ENTRO POCHI MESI POSSIBILI SANZIONI CONTRO TEHERAN
IRAN: USA, ENTRO POCHI MESI POSSIBILI SANZIONI CONTRO TEHERAN
''NO A COLLOQUI DIRETTI, ISOLAMENTO FUNZIONA MEGLIO''

Parigi, 2 mag. - (Adnkronos/Dpa) - Sanzioni contro Teheran potranno essere imposte a breve se non rinuncer al suo programma nucleare. “Entro pochi mesi, se non desister dalle sue attivit nucleari, vedrete il sostegno internazionale alle sanzioni”, ha avvertito il sottosegretario di Stato americano Nicholas Burns, parlando a Parigi prima della riunione tra i rappresentanti dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell’Onu pi la Germania. Sanzioni che, ha spiegato Burns, potrebbero consistere in restrizioni ai viaggi per la leadership di Teheran e in limiti alle esportazioni di tecnologia cosiddetta duale (utilizzabile a fini civili e militari, ndr) “che potrebbe essere usata dall’Iran per sviluppare le sue capacit”.

“Fino a quando l’Iran non trover il modo di uscire dalla crisi che ha causato - ha aggiunto il sottosegretario di Stato responsabile per il Controllo degli armamenti - rester diretto sulla strada delle sanzioni”. Burns ha poi nuovamente chiarito la posizione degli Stati Uniti riguardo un eventuale raid militare contro la Repubblica islamica, un’ipotesi che il presidente George W. Bush mantiene sul suo tavolo, anche se “non abbiamo rinunciato alla diplomazia”. “Abbiamo sostenuto gli sforzi diplomatici di Francia, Germania e Gran Bretagna per 13 mesi - ha ricordato il sottosegretario di Stato - Crediamo che ci sia una soluzione diplomatica al problema. Dipende dalla volont del governo iraniano di fare marcia indietro”.

Infine alla domanda sul perch l’amministrazione Bush non negozi direttamente con Teheran - come sollecitato da alcuni esponenti repubblicani ma anche dalla Francia nei giorni scorsi - Burns ha replicato: “Finora, crediamo che funzioni meglio l’isolamento”.

(Ses/Pn/Adnkronos)