IRAQ: I SOLDATI SUNNITI NON VOGLIONO ANDARE IN AREE SCIITE O CURDE (2)
IRAQ: I SOLDATI SUNNITI NON VOGLIONO ANDARE IN AREE SCIITE O CURDE (2)

(Adnkronos) - Il reclutamento dei sunniti nell’esercito nazionale e’ stato considerato uno degli obiettivi chiave delle forze americane: la cerimonia di domenica, che riguardava il primo gruppo sul totale di 5mila militari, ha costituito un passo importante in questa direzione. Ma il timore dei comandanti e’ che dislocando questi militari nella loro provincia di origine si rischia di esporli al condizionamento della guerriglia, che sicuramente tenterebbe di cooptarli. Di qui la scelta di inviarli in altre zone.

D’altra parte pero’ la popolazione della provincia insiste per un dislocamento di queste unita’ nella stessa zona: da tempo infatti l’esercito a mggioranza sunnita viene accusato di commettere abusi contro i sunniti residenti nell’area, argomento usato a giustificazione del fatto che i guerriglieri hanno tanto sostegno tra la popolazione locale.

“Ci siamo portati volontari per servire le nostre citta’ e comunita’, in particolare le nostre famiglie a Falluja e Ramadi, maltrattate dai soldati e dall’esercito , che perlopiu’ vengono dalle aeree sciite e curde”, ha spiegato Ahmad Mahmoud Azzawi, uno dei coscritti. ”Se ci inviano in zone curde e sciite, non andremo”.

(Ses/Pe/Adnkronos)