SVIZZERA: SCIATRICE REY BELLET ASSASSINATA ASSIEME AL FRATELLO DAL MARITO
SVIZZERA: SCIATRICE REY BELLET ASSASSINATA ASSIEME AL FRATELLO DAL MARITO

Les Crosets, 2 mag. (Adnkronos/ats) - Dramma famigliare nel mondo dello sport elvetico: l’ex sciatrice Corinne Rey-Bellet, 34 anni, e il fratello 32enne sono stati assassinati nell’abitazione dei genitori a Val d’Illiez, nel cantone svizzero del Vallese, dal marito della donna. Nella sparatoria rimasta gravemente ferita anche la madre dei due. La Rey-Bellet, una delle migliori sciatrici al mondo, si era ritirata dalle competizioni nel 2003, dopo i campionati del mondo di St-Moritz. Nella sua carriera aveva vinto cinque volte, 2 in super-G e 3 nella discesa libera. Nel 2002 aveva sposato il banchiere di San Gallo Gerold Stadler e si era trasferita a Abtwil.

Il marito ricercato dalla polizia che lo definisce armato e pericoloso. Gerold Stadler stato visto uscire domenica sera dalla casa dei Rey-Bellet con un’arma in mano e nella sua auto, ritrovata a Humoz, nella regione di Ollon (cantone di Vaud), stato trovato un caricatore vuoto, ha spiegato ieri in un conferenza stampa a St-Maurice (Vallese) il giudice istruttore del Basso Vallese Philippe Medico. Sembra che all’origine del dramma vi siano problemi famigliari. Corinne Rey- Bellet e Gerold Stadler si erano separati una decina di giorni fa.

Stando alla prima ricostruzione degli inquirenti, il banchiere giunto domenica sera verso le 19.00 nella stazione sciistica di Les Crosets per riportare alla moglie il figlio di due anni e mezzo. Dopo averlo messo a letto, si scatanata una violenta lite fra i due al primo piano dello chalet, dove si trova l’appartamento dell’ex sciatrice. (segue)

(Ses/Gs/Adnkronos)