UE: IN VIGORE DIRETTIVA SU LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UNIONE (2)
UE: IN VIGORE DIRETTIVA SU LIBERA CIRCOLAZIONE CITTADINI UNIONE (2)
NORMA SUBITO APPLICATA ANCHE SE SOLO POCHI L'HANNO TRASPOSTA

(Adnkronos/Aki) - In effetti, al di sotto dei cinque anni di residenza gli stati membri di accoglienza potranno continuare a chiedere prove di sostentamento (posto di lavoro o altre fonti di reddito legali), sopra i cinque anni i cittadini Ue invece non dovranno pi fornire simile documentazione.

La direttiva, a dire il vero, stata trasposta solo da pochissimi stati membri entro il tempo limite, che era il 30 aprile scorso. “Solo Austria, Slovenia e Slovacchia l’hanno gi fatto - ha ricordato infatti Frattini a Bruxelles - mentre Gran Bretagna e Danimarca hanno gi preso misure in tal senso”. Spagna e Francia hanno informato la Commissione europea che la proposta di legge all’esame dei rispettivi parlamenti nazionali. “Belgio, Italia, Finlandia e Lussemburgo - ha proseguito il vicepresidente - ci hanno avvertiti che non avrebbero potuto rispettare i tempi, lo stesso vale anche per gli altri stati membri”. Tuttavia, ha sottolineato il vicepresidente della Commissione, la direttiva “si applica ugualmente in modo immediato”, in quanto essa “sufficientemente chiara, trasparente e incondizionata” e inoltre “riguarda i diritti individuali e non solo gli stati”.

Frattini ha comunque avvertito che non sono da escludere procedure d’infrazione nei confronti di quegli stati che continuino a restare inadempienti, aggiungendo per che, proprio in quanto anche diritto individuale, i singoli cittadini potranno anche ricorrere ai tribunali nazionali in caso di violazione della direttiva.

(Gdr/Pe/Adnkronos)