USA: DEMOCRATICI CONTRO BUSH, LE SUE NOMINE PENALIZZANO DONNE E MINORANZE
USA: DEMOCRATICI CONTRO BUSH, LE SUE NOMINE PENALIZZANO DONNE E MINORANZE

Washington, 2 mag. (Adnkronos/Dpa) - Il presidente americano George Bush ha nominato centinaia di persone ad incarichi politici nel governo federale, ma ha ridotto il numero di donne e esponenti delle minoranze scelti. Questo quanto emerge da un rapporto messo a punto dai Democratici alla Camera dei Rappresentanti: sono 300 le persone nominate dal presidente repubblicano ad incarichi politici nei primi cinque anni di mandato, ma solo il 13 per cento di loro appartiene alle minoranze razziali, il 50 per cento in meno rispetto all’era Clinton. Allo stesso tempo, la percentuale di nomine politiche di donne e’ scesa dal 45 al 39 per cento. “Riducendo il numero di esponenti delle minoranze e di donne nominati, il presidente Bush si sta allontanando da un governo che sia “del popolo, dal popolo e per il popolo”, ha commentato il Rappresentante Elijah Cummings.

(Ses/Pe/Adnkronos)