AMBIENTE: PUGLIA - ASSESSORE DEMANIO, EPISODIO BAIA OTRANTO 'ANTIPATICO'
AMBIENTE: PUGLIA - ASSESSORE DEMANIO, EPISODIO BAIA OTRANTO 'ANTIPATICO'
MINERVINI, AVVIATA PROCEDURA DECADENZA DI PARERE FAVOREVOLE

Bari, 5 mag. - (Adnkronos) - Quanto verificatosi nella Baia dei Turchi a Otranto, dove il Corpo Forestale ha sequestrato un’area pregiata divenuta stabilimento balneare, ‘’e’ un episodio antipatico’’. Lo ha detto l’assessore regionale della Puglia al demanio e alla cittadinanza attiva Guglielmo Minervini.

‘’Si tratta di un tratto di costa inserita nella zona ‘pSic-Zps–Laghi Alimini’, una delle numerose zone pugliesi classificate Sito di Interesse Comunitario - ha aggiunto Minervini - Per questo motivo, la valutazione di incidenza sulla realizzazione di uno stabilimento balneare e’ favorevole ma vincolata a condizioni specifiche e cioe’ che ‘non deve essere in alcun modo modificata la morfologia del terreno; non devono essere aperti nuovi varchi tra le dune ma utilizzati quelli gia’ esistenti; le passerelle e le pedane devono essere in legno e devono essere posizionate in modo da non interessare la vegetazione spontanea a macchia mediterranea presente; tutte le strutture devono essere rimosse alla fine della stagione balneare.

‘’Queste condizioni - ha spiegato l’assessore - vincolano anche la concessione demaniale e, come ormai noto, anche se il rinnovo per l’anno in corso e’ recentissimo, e’ gia’ avviata la procedura di decadenza proprio perche’ alcuni di questi vincoli sono stati violati’’. Il Corpo forestale dello Stato ha posto sotto sequestro due zone nelle quali erano stati tagliati tratti di vegetazione boschiva e di macchia. Anche la Procura di Lecce si e’ gia’ interessata alla vicenda. ‘’Naturalmente - ha aggiunto l’assessore - per alcune altre verifiche e per i necessari controlli e’ direttamente e formalmente responsabile il Comune di Otranto’’. (segue)

(Pas/Zn/Adnkronos)