CRIMINALITA': BARI, VENDETTA E GUERRA DI MAFIA DIETRO OMICIDIO MERCANTE (2)
CRIMINALITA': BARI, VENDETTA E GUERRA DI MAFIA DIETRO OMICIDIO MERCANTE (2)

(Adnkronos) - In carcere sono finiti anche Carlo Iacobbe, 34 anni, pregiudicato e Luca Antonio Sebastiano, 27 anni, tutti vicini al clan Telegrafo che rivaleggia con i Mercante-Diomede per il controllo dello spaccio di stupefacenti nello stesso quartiere. Una quarta persona viene ricercata. Sono tutti accusati di omicidio volontario premeditato, aggravato dall’aver agito per agevolare l’associazione mafiosa dei Telegrafo, e di porto e detenzione illegale di armi e munizioni. Per una quinta persona il gip del Tribunale, Jolanda Carrieri ha respinto la richiesta di arresto chiesta dal pubblico ministero.

Ai domiciliari sono stati sottoposti Francesco Signore, 48 anni, e Francesco Spizzico, 33 anni, entrambi vicini ai Mercante, con l’accusa di porto e detenzione di armi e munizioni. Con la stessa motivazione sono state sotttoposte all’obbligo di presentazione e firma alla polizia giudiziaria Elisabetta Rita Mercante, 24 anni, nipote della vittima e figlia di Giuseppe Mercante, 53 anni, ritenuto il capoclan storico e detenuto a Catanzaro, e Angela Delle Foglie, 45 anni, vedova di Amleto Mercante.

(Pas/Pe/Adnkronos)