GASTRONOMIA: A PARMA CONVEGNO SU SPERIMENTAZIONE BIOCHIMICA IN CUCINA
GASTRONOMIA: A PARMA CONVEGNO SU SPERIMENTAZIONE BIOCHIMICA IN CUCINA

Roma, 5 mag. - (Adnkronos) - La sperimentazione biochimica in cucina ‘’ lecita ed utile per i cuochi e per i clienti appassionati di gastronomia’’. Ma a condizione che sia fatta ‘’nel rispetto di una cucina sana, anche un po’ dietetica’’ e comunque in difesa del gusto e ‘’per rafforzare, anche migliorandola, quella tradizione che ci guida e ci sostiene da sempre’’. E’ quanto e’ emerso nel corso del convegno che si e’ svolto a Parma, presso l’Auditorium dell’Academia Barilla. La manifestazione rientra, in una pi ampia campagna, finanziata con il contributo dell’Unione Europea e dello Stato Italiano, l’OOES “Olive Oil European Style”, che ha gi visto il realizzarsi di altri eventi legati all’informazione sulle peculiarit dell’olio d’oliva.

Al dibattito hanno partecipato gli chef Alfonso Iaccarino, del ristorante Don Alfonso di Sant’Agata sui due Golfi (Napoli), Valentino Marcattilii del San Domenico di Imola (Bologna), Carlo Cracco, di Cracco-Peck a Milano e Moreno Cedroni della Madonnina del Pescatore a Senigallia (Ancona). Inoltre sono intervenuti il professor Carlo Cannella biologo alimentare, il professor Davide Cassi docente di fisica molecolare presso l’Universit di Parma. (segue)

(Vit/Ct/Adnkronos)