MILANO: 20MILA GIOVANI A RISCHIO SUICIDIO, AL FATEBENEFRATELLI PRIMO SERVIZIO AD HOC (3)
MILANO: 20MILA GIOVANI A RISCHIO SUICIDIO, AL FATEBENEFRATELLI PRIMO SERVIZIO AD HOC (3)
FORMIGONI, ROMPIAMO OMERTA' PER AIUTARE GIOVANI E FAMIGLIE

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - Nell’ultimo anno ‘’solo noi abbiamo seguito 156 ragazzi che avevano tentato il suicidio’’, ha proseguito Charmet. ‘’Pensiamo quindi a quanti potranno essere in tutta Italia’’. O in Europa e nel mondo. ‘’In Francia e negli Usa il suicidio e’ la prima causa di morte tra i 14-20enni, mentre da noi e’ la seconda. Siamo di fronte a una situazione quasi epidemica’’, ha ricordato lo specialista, secondo cui ‘’dobbiamo capire che esiste purtroppo un nuovo tipo antropologico: il ragazzo con la morte addosso’’. Sono giovani ‘’affascinati, quasi ‘rapiti’ dall’idea della morte’’. Che spesso non capiscono quanto un gesto possa essere definitivo e contagioso per i coetanei, e il piu’ delle volte vogliono solamente lanciare un grido d’aiuto agli adulti. Percio’ ‘’mi auguro che, da sperimentale, il progetto del Fatebenefratelli possa diventare stabile ed essere un modello per altri ospedali’’.

La Regione Lombardia, ha riferito il presidente Formigoni, ‘’intende con questa iniziativa impegnarsi fortemente per rompere l’omerta’ e far uscire dalla clandestinita’ un fenomeno molto piu’ diffuso di quanto si sappia’’, ma ancora avvolto da una fitta cortina di fumo. ‘’Abbiamo voluto finanziare questo progetto all’interno di un ospedale regionale - ha proseguito - grazie a una strategia di collaborazione virtuosa tra pubblico e privato, ispirata alla sussidiarieta’. Con questo servizio vogliamo rispondere a un bisogno sommerso, ma imponente, costruendo percorsi di aiuto per tutti questi giovani e per le loro famiglie’’.

(Sal/Opr/Adnkronos)