PROSTITUZIONE: NOVARA, POLIZIA SMANTELLA ORGANIZZAZIONE CINESE
PROSTITUZIONE: NOVARA, POLIZIA SMANTELLA ORGANIZZAZIONE CINESE

Torino, 5 mag. - (Adnkronos) - Era una gestione quasi tutta femminile quella del giro di prostituzione di giovani donne cinesi scoperta a Novara e provincia dalla Squadra mobile che ha arrestato 13 persone, fra cui 11 donne. Per 9 delle persone finite in manette l’accusa e’ sfruttamento della prostituzione mentre 4 delle ragazze sono state arrestate per violazione della normativa. L’indagine, durata circa un anno e mezzo, era partita dopo le segnalazioni di numerosi cittadini che lamentavano, negli stabili in cui vivevano, un continuo viavai di uomini in alcuni appartamenti. La polizia ha cosi’ scoperto quella che sembra assumere i contorni di una vera e propria tratta di donne cinesi che venivano reclutate da connazionali nel loro Paese d’origine e che, dopo aver pagato 10mila euro per il viaggio, cominciavano l’attivita’ di prostituzione.

Gli inquirenti hanno scoperto e posto sotto sequestro 22 alloggi in cui veniva esercitata la professione delle ragazze che avevano un target medio-alto di clienti che pagavano tra i 70 e i 100 euro a seconda della prestazione. Al momento la polizia ha individuato una trentina di donne, tutte clandestine, che non uscivano praticamente mai dagli appartamenti, vivendo in alcuni casi con le ‘maman’ che, altrimenti, si presentavano periodicamente dalle loro protette per ritirare i guadagni, controllare le ragazze e provvedere al loro sostentamento. Secondo quanto emerso dalle indagini i guadagni venivano divisi e alla prostituta restava il 30%, mentre il 70% andava ai ‘gestori’ delle case squille.

(Ato/Pe/Adnkronos)