RCS: TRIBUNALE RIESAME SI RISERVA SU RICORSO BRIGADIERE LECCESE
RCS: TRIBUNALE RIESAME SI RISERVA SU RICORSO BRIGADIERE LECCESE

Roma, 5 mag. - (Adnkronos) - Il Tribunale del riesame presieduto da Carmelo Asaro si riservato di decidere sulle istanze con le quali il sottufficiale della Guardia di finanza Luigi Leccese, arrestato il 18 aprile scorso insieme con Stefano Ricucci e accusato di rivelazione di segreto d’ufficio, chiede la revoca dell’ordine di custodia cautelare o quanto meno la concessione degli arresti domiciliari.

All’accoglimento delle istanze si oppongono i pm Giuseppe Cascini e Rodolfo Sabelli che avevano ottenuto dal gip, Orlando Villoni, la custodia cautelare in carcere. Il reato di rivelazione di segreto d’ufficio stato ipotizzato anche per il costruttore Tommaso Di Lernia e per l’ufficiale dell’Esercito Vincenzo Tavano. Tutti e tre, secondo l’ordine di custodia cautelare, si erano accordati per fornire a Ricucci informazioni circa l’andamento delle indagini a suo carico. Leccese, secondo l’accusa, in quanto dipendente dal Nucleo speciale della polizia valutaria della Finanza che collabora alle indagini su Ricucci, aveva modo di procurarsi le informazioni che poi tramite Di Lernia e Tavano venivano date all’immobiliarista.

Anche Ricucci, Di Lernia e Tavano nei giorni scorsi avevano chiesto la scarcerazione. Anche per loro il Tribunale si era riservato ed ora possibile che la decisione venga presa nello steso momento per tutti.

(Saz/Zn/Adnkronos)