SANITA': ALLARME SUICIDIO, RECORD AL NORD ITALIA MA AL SUD CASI IN AUMENTO
SANITA': ALLARME SUICIDIO, RECORD AL NORD ITALIA MA AL SUD CASI IN AUMENTO
LO PSICHIATRA, LOMBARDIA 'MAGLIA NERA' MA SICILIA GUIDA INVERSIONE TENDENZA

Milano, 5 mag. (Adnkronos/Adnkronos Salute) - Spetta alla Lombardia, con un record nel Milanese, in Valtellina e Val Seriana, il primato italiano del numero di suicidi tra i giovani 11-24enni (picco massimo intorno ai 16 anni). Ma ‘’il divario tra Nord e Sud si sta progressivamente assottigliando e nel meridione i casi sono in aumento, specie in Sicilia’’. A segnalare ‘’un’inversione di tendenza’’ e’ Claudio Mencacci, direttore del Dipartimento di Psichiatria dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano, che ospitera’ il primo servizio integrato rivolto ai giovani che hanno tentato il gesto estremo. ‘’Per anni il Sud e’ stato il meno colpito dal fenomeno - ha riferito lo specialista oggi nel capoluogo lombardo, durante la presentazione del progetto triennale finanziato dalla Regione Lombardia e promosso con ‘L’Amico Charly Onlus’ - In Italia come pure in Europa, dove la Grecia fa registrare il minor numero di casi. Dipendeva dalla maggior presenza di luce, da un modello di famiglia allargata e da vari altri fattori, ma nella nostra penisola le cose stanno cambiando’’.

Numeri precisi non ce ne sono, ha sottolineato l’esperto, perche’ ‘’i dati ufficiali sono ampiamente sottostimati’’. I dati raccontano comunque un’emergenza in crescita: dal 1952 al 1995 gli episodi sono triplicati. Secondo l’Istat, tra il 1989 e il 1998 si sono registrati in Italia in media 300-400 casi di suicidio ogni anno (complessivamente oltre 600 in Lombardia), soprattutto tra i maschi e dai 18 ai 24 anni. I tentativi di morte sono invece piu’ frequenti fra le femmine, avvengono per lo piu’ per avvelenamento e nel 50% dei casi si ripetono entro due anni. (segue)

(Sal/Gs/Adnkronos)