BOSNIA: VESCOVO SARAJEVO, GUERRA E' INTERROTTA MA NON C'E' PACE
BOSNIA: VESCOVO SARAJEVO, GUERRA E' INTERROTTA MA NON C'E' PACE
IL GRIDO D'ALLARME DEL PRELATO DURANTE MANIFESTAZIONE AD AREZZO

Arezzo, 10 mag. - (Adnkronos) - “E’ una guerra fermata ma anche una pace impedita”. Monsignor Pero Sudar il vescovo ausiliare di Sarajevo. E sceglie la tribuna delle ‘’Piazze di Maggio’’, l’evento della Cei in corso a Rondine Cittadella della Pace e ad Arezzo, per lanciare il pi drammaticdo degli appelli.

“Nella mia citt manca la speranza. La guerra in apparenza finita - ha detto mons. Sudar - ma non sappiamo neanche quanti morti abbia fatto. Sappiamo inece di una situaziuone economica gravissima, di una povert strisciante, della difficolt di ogni famiglia di poter dare lavoro ai propri giovani. E’ una guerra che stata interrotta ma non c’ pace, non ci sono speranze. E resta una situazione di rischio, in cui la mancanza di giustizia fa il resto”.

Monsignor Pero Sudar non esclude che in queste condizioni possano anche ripetersi i presupposti della guerra. E chiede aiuto perch la comunit internazionale, come ha gi fatto in altre occasioni, possa venire incontro alla sua citt.

(Fas/Pn/Adnkronos)