SERBIA: HANDKE, MILOSEVIC NON ERA HITLER
SERBIA: HANDKE, MILOSEVIC NON ERA HITLER

Parigi, 10 mag. (Adnkronos/Dpa) - Peter Handke torna a polemizzare sulla guerra nella ex Jugoslavia per contestare ancora una volta certe definizioni e paragoni: “Smettiamola una volta per tutte di paragonare Slobodan Milosevic con Hitler”, ha dichiarato lo scrittore austriaco, parlando con il quotidiano ‘Liberation’, esortando a non utilizzare piu’ “per i campi che furono istituiti durante la guerra in Jugoslavia l’espressione ‘campo di concentramento’”.

Recentemente, la Comedie Francaise ha ritirato dal proprio cartellone per il 2007 lo spettacolo “Voyage au pays sonore ou l’art de la question”, tratto da un lavoro di Handke, a seguito - ha spiegato il direttore Marcel Bozonnet - della partecipazione dello scrittore austriaco ai funerali di Slobodan Milosevic. Una decisione poi contestata da numerosi intellettuali, primo tra gli altri l’uomo che avrebbe dovuto curare la regia dello spettaccolo e che ha fatto sapere che non ne fara’ un altro in sostituzione.

In suo sostegno e’ intervenuta anche l’austriaca Elfriede Jelinek, premio Nobel per la Letteratura, e attraverso una petizione alcuni grandi nomi della letteratura e del teatro, da Patrick Modiano a Luc Bondy. Handke ha commentato il dibattito nato intorno alla cancellazione della sua opera dal cartellone della Comedie Francaise positivamente, perche’, ha detto, per la prima volta ha aperto una discussione seria sulla guerra nella ex Jugoslavia.

(Ses/Gs/Adnkronos)