BOLOGNA: COFFERATI, SOLO PREFETTO E QUESTORE POSSONO NEGARE FESTA RETE UNIVERSITARIA
BOLOGNA: COFFERATI, SOLO PREFETTO E QUESTORE POSSONO NEGARE FESTA RETE UNIVERSITARIA
NESSUN DISAGIO IN PIAZZA VERDI E' GRADITO O CONDIVISO DAL SINDACO

Bologna, 12 mag. - (Adnkronos) - “Le richieste che sono state formulate rispettano lo schema tradizionale della richiesta di manifestazione politica, dunque non c’e’ nessun potere da parte del Comune in merito, la possibilita’ di negare questa manifestazione compete esclusivamente al questore e al prefetto, a loro devono rivolgersi i comitati”. Cosi’ il sindaco di Bologna, Sergio Cofferati, replica ai comitati cittadini che gli hanno chiesto di intercedere per non far effettuare ,in piazza Verdi, la festa della Rete Universitaria, in programma dal 16 al 18 maggio prossimi.

“Non faccio nessuna pressione a nessuno -sottolinea Cofferati rispondendo a coloro che avevano sollecitato il sindaco ad assumere una posizione come quella adottata rispetto alla Street rave parade- dico semplicemente quale e’ la mia opinione”. “Va da s -continua Cofferati- che tutto cio’ che dovesse creare, in piazza Verdi, condizioni di disagio alla popolazione non sarebbe ne’ condiviso ne’ gradito dal sindaco”. Il primo cittadino ribadisce cosi’, ancora una volta, che “le manifestazioni politiche devono essere fatte tutte, in modo che non ci sia nessun danno per le persone che manifestano come per i residenti”. Se, dunque, la festa della Rete dovesse comportare un rischio “non sta a me dirlo” conclude Cofferati specificando che “nel caso del rave posso essere preciso perche’ ho visto cosa e’ capitato negli anni passati”.

(Mcb/Pn/Adnkronos)