CARCERI: CAGLIARI- CALIGARIS (SDI-RNP), A BUONCAMMINO SITUAZIONE INVIVIBILE
CARCERI: CAGLIARI- CALIGARIS (SDI-RNP), A BUONCAMMINO SITUAZIONE INVIVIBILE
INACCETTABILE CHE DISAGIO VENGA SCARICATO SU AGENTI

Cagliari, 12 mag. - (Adnkronos) - “La clamorosa protesta degli Agenti della Polizia Penitenziaria di Buoncammino, che attuano lo sciopero della fame, il segno inequivocabile dell’invivibilit all’interno di un Istituto dove l’insufficienza del numero degli agenti, l’alta percentuale di ammalati, la scarsa incisivit della rieducazione dei reclusi, l’inadeguatezza della struttura e il sovraffollamento creano costanti pericolose tensioni”. Lo denuncia in una nota il consigliere regionale della Sardegna, Maria Grazia Caligaris (Sdi-Rnp). “La situazione intollerabile - dice Caligaris - in tutti gli Istituti di pena. Drammatica non solo a Buoncammino, ma anche a San Sebastiano e Bad’e Carros. E’ inaccettabile che venga scaricata sugli agenti, privandoli perfino delle ferie, la responsabilit dei delicati equilibri all’interno delle strutture carcerarie”.

“A Buoncammino - continua il consigliere - i due terzi dei detenuti sono positivi al virus Hiv o all’epatite B e C. Il nuovo governo dovr assumere un immediato provvedimento per colmare i vuoti di organico e ridurre il numero dei detenuti”. “Occorre accelerare la costruzione dei nuovi quattro edifici penitenziari, ma nel frattempo necessario creare condizioni di vivibilit all’interno degli Istituti. E’ evidente che gli agenti della polizia penitenziaria soffrono insieme ai detenuti anche per la mancanza di spazi. Hanno diritto a svolgere un lavoro dignitoso nel rispetto dell’articolo 27 della Costituzione italiana - conclude Caligaris - che assegna alle carceri trattamenti per la rieducazione del condannato”.

(Rag/Pn/Adnkronos)