MILANO: FERRANTE, PER AMMINISTRARE BISOGNA CAPIRE IL DISAGIO
MILANO: FERRANTE, PER AMMINISTRARE BISOGNA CAPIRE IL DISAGIO
CANDIDATO SINDACO UNIONE VISITA ISTITUTO DEI CIECHI

Milano, 12 mag. - (Adnkronos) - “Ognuno deve provare a mettersi nei panni degli altri” e “chi vuole amministrare una citt deve capire e riconoscere le diversit”. Cos Bruno Ferrante, candidato sindaco del centrosinistra, spiega la visita all’Istituto dei Ciechi dove oggi ha “sperimentato” la mostra-percorso “Dialogo nel buio”. Una visita guidata, durata circa un’ora, durante la quale il candidato ha potuto constatare le difficolt di un non vedente attraverso una serie di percorsi con diverse superfici, atmosfere, odori e suoni, camminando al buio e guidato dal solo bastone utilizzato dai non vedenti.

Dal giro in barca all’esperienza di farsi servire un caff al bar rigorosamente al buio, Ferrante ha potuto vivere sulla propria pelle una serie di sensazioni tattili e olfattive particolari. Il candidato sindaco ha affermato che “ importante avvertire le diversit presenti in una citt, dai non vedenti, agli anziani soli ai giovani in condizioni di disagio. Diversit che vanno poi riunite in uno spirito comune”.

Rodolfo Masto, commissario straordinario dell’Istituto dei Ciechi, dal canto suo ha commentato: “Bisogna prendere convinzione che alcuni problemi non sono circoscritti ai non vedenti, ma anche alla categoria degli anziani. Inoltre va sottolineato il bell’esempio di imprenditoria sociale dato dall’Istituto: qui lavorano ogni giorno pi di 70 impiegati non vedenti”.

(Red-Dra/Lr/Adnkronos)