SALUTE: STUDIO GREENPEACE, FUTURE MAMME 'INQUINATE' DA DETERSIVI E COSMETICI (2)
SALUTE: STUDIO GREENPEACE, FUTURE MAMME 'INQUINATE' DA DETERSIVI E COSMETICI (2)
SOSTANZE NOCIVE IN GRADO DI 'ATTRAVERSARE' PLACENTA E LIQUIDO AMNIOTICO

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - Nei campioni di sangue delle cinque future mamme ‘arruolate’ per la ricerca, effettuata presso il laboratorio olandese indipendente ‘Tno Environment and Geosciences’, sono state ritrovate tracce di 8-12 sostanze ritenute nocive e che hanno la caratteristica di ‘attraversare’ la placenta e il liquido amniotico, arrivando con tutta probabilit a contaminare anche il feto.

‘’Ma il nostro obiettivo non provocare allarmismi inutili fra le donne incinte - dice Vittoria Polidori, responsabile della Campagna inquinamento Greenpeace, che in occasione dello studio ha vestito anche i panni di ‘cavia’, essendo alla fine del settimo mese di gravidanza - bens sottolineare la necessit di migliorare il testo della proposta di riforma della politica chimica in Europa, denominata ‘Reach’ (Registrazione, Valutazione e Autorizzazione delle sostanze chimiche). Si tratta di un regolamento all’esame del Parlamento europeo dal 2003 e che dovrebbe concludere il suo iter all’inizio del 2007. Non fissa ancora, per, standard di protezione che, a nostro avviso, garantiscono la salute dei cittadini. E’ necessario, prima di tutto - suggerisce - che le industrie vengano obbligate a sostituire le sostanze ‘sotto accusa’ con alternative pi sicure, gi disponibili sul mercato”.

‘’Se si arrivasse a questo risultato - sottolinea Donatella Massai, direttore generale di Greenpeace - l’industria chimica avrebbe fra l’altro l’opportunit di ‘girare pagina’ e di cambiare volto, spezzando una volta per tutte il binomio chimico uguale tossico”. E, con il contributo di un buon regolamento europeo come il Reach, ‘modificato’ a dovere, ‘’si avrebbe finalmente la possibilit - ha spiegato Pietro Quattrocchi, responsabile del Comitato etico dell’ospedale Fatebenefratelli di Roma, sede della conferenza di oggi - di mettere in atto una reale politica di prevenzione”.

(Sal/Opr/Adnkronos)