SANITA': NATI PREMATURI IN AUMENTO IN TOSCANA, INDAGINE DELL'ARS (3)
SANITA': NATI PREMATURI IN AUMENTO IN TOSCANA, INDAGINE DELL'ARS (3)

(Adnkronos) - Con l’indagine, che stata svolta anche da altre regioni italiane (il Friuli, la Lombardia, le Marche, il Lazio e la Calabria) stata inoltre testata l’efficienza della rete dei servizi ostetrici e neonatali nella nostra regione, che rappresenta un fattore determinante per la sopravvivenza di questi bambini e per la qualit della loro vita. Infatti la nascita pretermine di gran lunga la prima causa di morte nel primo anno di vita ed responsabile di importanti patologie, soprattutto neurologiche e respiratore.

Grazie all’organizzazione dei servizi e alla diffusa pratica del “trasporto in utero”, ossia del trasporto della mamma prima del parto, l’83% dei bambini altamente pretermine nasce in un centro di terzo livello, ossia un centro in grado di prestare le cure specialistiche e intensive pi avanzate: in Toscana questi centri sono presenti negli ospedali di Careggi, Pisa, e Siena, con la sezione di Arezzo. Dei neonati che nascono nei centri meno specialistici, i pi piccoli e i pi bisognosi di cure vengono trasportati nelle prime 24 ore dalla nascita per lo pi (circa nell’80% dei casi) alla Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Meyer.

Ci nonostante la nascita altamente pretermine resta molto problematica: il 17% dei neonati di et gestazionale inferiore alle 32 settimane muore durante il ricovero in ospedale, mentre solo la met dei neonati estremamente prematuri (25 settimane o meno) ha la possibilit di sopravvivere. Dei neonati dimessi dall’ospedale il 5% presenta patologie neurologiche gravi, il 2% una grave retinopatia, lo 0,5% ha bisogno dell’ossigenoterapia. Si tratta di dati in linea con quelli che si registrano nei paesi pi sviluppati e che sono destinati a migliorare, almeno sotto l’aspetto della mortalit. (segue)

(Red-Xio/Col/Adnkronos)