COPPIE DI FATTO: BOSELLI, IN PRIMI 100 GIORNI GOVERNO LEGGE SUI PACS
COPPIE DI FATTO: BOSELLI, IN PRIMI 100 GIORNI GOVERNO LEGGE SUI PACS
CHIESA PUO' AVERE SUA CONCEZIONE DELL'AMORE MA PRETENDIAMO RECIPROCITA'

Roma, 12 mag. (Adnkronos) - Il nuovo governo dovra’ affrontare la questione di un provvedimento sui Pcs nei suoi primi 100 giorni. Lo afferma, in una intervista a La Repubblica, Enrico Boselli. “Tanta gente -spiega l’esponente della Rosa nel pugno- aspetta. Si parla, per difetto, di un milione e 200mila individui etero ed omosessuali che amano e rispettano il proprio convivente e conducono una vita serena in cui prevale l’amore. Sono italiani come tutti gli altri che lo Stato ha il dovere di non far sentire di serie ‘b’ o peggio ancora colpevoli”.

“Noi pensiamo -aggiunge Boselli- ad una legge di tipo pubblicistico, il privato non e’ adeguato, che garantisca alcuni diritti fondamentali. Perche’, piuttosto, la Chiesa non riflette sul rapido cambiamento del concetto di famiglia? E sul fatto che l’80% delle coppie di fatto sono cattoliche? Le autorita’ ecclesiastiche troppe volte hanno superato il limite invalicabile nei rapporti tra Stato e Chiesa e hanno contestato la libera determinazione, cioe’ le leggi, del Parlamento o delle assemblee regionali o locali. Questo non deve e non puo’ accadere. Per il resto, non contesto alla Chiesa cattolica di avere una concezione dell’amore che risponde ai suoi principi. Pretendo pero’ le reciprocita’. Questo e’ il pluralismo”.

La coalizione e’ in grado di tenere su questo tema, assicura Boselli: “perche’ -spiega- e’ guidata da un cattolico liberale, Prodi, che ha dimostrato in un momento molto delicato come quello del referendum sulla fecondazione assistita di essere un vero cattolico liberale andando a votare”.

(Pol-Fer/Pe/Adnkronos)