GOVERNO: SPUNTA IPOTESI 'MINISTERO ENERGIA', MA E' POLEMICA
GOVERNO: SPUNTA IPOTESI 'MINISTERO ENERGIA', MA E' POLEMICA
PRC VUOLE I 'BENI COMUNI' PER ACQUA, TERRITORIO, ENERGIA

Roma, 12 mag. - (Adnkronos) - Un ministero o un Dipartimento dei ‘Beni Comuni’ con competenze sull’energia, l’acqua e il territorio? E’ la proposta alla quale sta lavorando Rifondazione Comunista e che suscita polemiche e malumori in diversi settori dell’Unione. Autorevoli fonti del partito guidato da Franco Giordano spiegano che le ipotesi di lavoro sono tre: quella di un ministero a se, quella di un dipartimento all’interno del ministero dell’Ambiente oppure di un Dipartimento all’interno dei Beni Culturali.

Nel primo caso, nascerebbe un ministero dell’Energia e dell’Ambiente; nel caso di un Dipartimento del ministero dell’Ambiente, Prc vorrebbe le competenze sull’energia; nel caso, invece, si arrivasse ad un Dipartimento Beni Comuni all’interno del ministero dei Beni Culturali, Prc vorrebbe competenze sulla propriet intellettuale. Tutte queste ipotesi, per, si tradurrebbero in una secca amputazione del dicastero delle Attivit Produttive cui fanno capo energia e propriet intellettuale.

Da qui il nervosismo che serpeggia fra i Ds, che vogliono affidare a un loro esponente di primo piano, Pierluigi Bersani, il ministero delle Attivit produttive. Senza l’energia quest’ultimo verrebbe svuotato di quello che oggi forse il settore pi strategico per la politica industriale e di rilancio della competitivit, ai primi posti nell’agenda del governo. (segue)

(Ccr/Ct/Adnkronos)