FISCO: COMUNE DI FIRENZE ''CORREGGE'' I DATI DEL 'SOLE 24 ORE'
FISCO: COMUNE DI FIRENZE ''CORREGGE'' I DATI DEL 'SOLE 24 ORE'
L'ASSESSORE TEA ALBINI SCRIVE LETTERA DI PRECISAZIONE AL GIORNALE

Firenze, 15 mag. - (Adnkronos) - In merito all’articolo pubblicato su “Il Sole 24 ore” di oggi, l’assessore alle risorse finanziarie del Comune di Firenze, Tea Albini, ha inviato al giornale una lettera di precisazione. Ecco il testo: “Gentile direttore, l’articolo apparso oggi sul suo giornale contiene alcuni dati presi a riferimento per il Comune di Firenze che non sono esatti. L’errore pi macroscopico riguarda il numero delle famiglie che il comune denominatore per definire il gettito medio delle imposte prese a riferimento. Il giornale le indica in 159.724 mentre quelle risultanti dal certificato al conto del Bilancio 2003 sono 174.846, anche se, dalla visura effettuata in data odierna sul sito Istat risulta addirittura che Firenze al 31 dicembre 2003 aveva 175.571 famiglie. Riguardo all’Ici - scrive Albini - moltiplicando il numero delle famiglie per il valore medio indicati dal giornale, il gettito ammonta a 130.015.336 euro, mentre la somma accertata nel 2003 corrisponde ad un totale di 132.599.999 euro di cui: 125.550.671 euro in competenza (36.492.696 per abitazione principale e 89.057.975 per altri fabbricati) e 7.049.328 euro per recupero anni precedenti’’.

‘’Stante ci, il gettito 2003 Ici di competenza, suddiviso per il numero delle famiglie indicato nel consuntivo, risulta essere 718,06 euro, anzich 814. L’addizionale Irpef accertata nel 2003, sulla base delle comunicazioni pervenute dal Ministero degli Interni, ammonta a 15.490.000 euro (e non a 26.514.184 come risulterebbe dai dati del giornale). Tale somma suddivisa per il numero delle famiglie di cui sopra - scrive ancora l’assessore Albini - comporta un gettito per nucleo di 89 euro anzich 166. Si presuppone che l’errore derivi dal sito internet del ministero dell’economia e delle finanze che sul modello unico indicava per Firenze l’aliquota dello 0,5 per mille, anzich quella corretta dello 0,3, che il Comune di Firenze applica a tutt’oggi’’. (segue)

(Red-Xio/Col/Adnkronos)