FISCO: MARTINI, IN TOSCANA I TRIBUTI REGIONALI SONO FERMI DAL 1997
FISCO: MARTINI, IN TOSCANA I TRIBUTI REGIONALI SONO FERMI DAL 1997
IL PRESIDENTE DELLA REGIONE - ''DI FRONTE AI TAGLI GOVERNATIVI LA TASSAZIONE LOCALE HA ASSICURATO UN ALTO LIVELLO DEI SERVIZI''

Firenze, 15 mag. - (Adnkronos) - “L’inchiesta pubblicata stamani da Il Sole 24 Ore si riferisce soltanto ai tributi locali di competenza comunale: Ici, Tarsu e addizionale all’Irpef. Nella classifica pubblicata non sono quindi stati considerati i tributi di competenza regionale. E se si prendessero in considerazione anche i tributi regionali a carico delle famiglie - addizionale regionale Irpef, tasse auto, addizionale regionale all’imposta consumo gas metano, tributo sulle discariche, tasse concessioni regionali, tassa per diritto allo studio universitario - la pressione fiscale a carico delle famiglie toscane sarebbe in diminuzione rispetto ad altre Regioni”.

Il presidente della Regione Toscana, Claudio Martini, precisa cos il senso dei dati apparsi oggi sul quotidiano di Confindustria. “Noi infatti - prosegue Martini - non aumentiamo le tasse regionali dal 1997. Anzi, nel corso di questi nove anni abbiamo esteso le agevolazioni. Lo abbiamo fatto per l’Irap, le tasse auto per disabili e volontariato, gli spacci montani, le imprese giovanili e quelle con certificazione ambientale e sociale. Basta fare due conti per rendersi conto che in Toscana tra mancato adeguamento delle tariffe, blocco di ogni aumento dei tributi ed esenzioni approvate c’ stata una riduzione delle entrate nelle casse regionali, per il periodo 2000-2005, di ben 215 milioni di euro”. (segue)

(Red-Xio/Zn/Adnkronos)