AMMINISTRATIVE: ROMA - PASTORE (FI) PROPONE LA 'CASA DEL FOLKLORE'
AMMINISTRATIVE: ROMA - PASTORE (FI) PROPONE LA 'CASA DEL FOLKLORE'

Roma, 15 mag. - (Adnkronos) - ‘’Se sar eletta al Campidoglio, mi piacerebbe realizzare un sogno che ho sempre avuto per me e per i romani: dare vita ad un progetto culturale che celebri e mantenga vivo il folklore romano. Tutti i cittadini di Roma sanno quanto la nostra cultura popolare sia preziosa e penso che ognuno di noi debba esserne orgoglioso”. Lo afferma Laura Pastore candidata consigliere di Forza Italia al comune di Roma, che, se eletta, dedicher un intero stabile alla cultura popolare romana. Al fianco dei colleghi che concorrono per le cariche municipali, Laura Pastore pensa al XVII municipio, dove Silvano Saccares, capolista di Forza Italia ha da sempre agito nell’interesse della cultura popolare di Roma.

“I cittadini del XVII municipio -dichiara Saccares- appoggiano da 20 anni il mio impegno nel quartiere, come consigliere per 4 legislature e ora come assessore”. ‘’Le scuole del nostro municipio -continua l’esponente azzurro- sono tra le pi antiche di Roma. I ragazzi che le frequentano non hanno, per, uno spazio dove esibirsi e l’affitto delle sale teatrali molto alto’’. ‘’Vogliamo dare la possibilit -aggiunge Saccares- a tutti di poter sperimentare ed esprimere la cultura sotto ogni aspetto, folkloristico e non. Per questo vogliamo ristrutturare le loro scuole creando uno spazio dedicato alla cultura”.

“Desidero impegnarmi seriamente in questo progetto perch mi sta a cuore -aggiunge Laura Pastore-, e per dimostrare che la celebrazione della cultura non una prerogativa della sinistra”. Il capolista di Fi al XVII municipio Saccares ha alle spalle una lunga carriera al fianco dei cittadini “e continuer a lavorare in particolar modo per i centri anziani, per il miglioramento della viabilit e della comunicazione tra i cittadini e le istituzioni”. “Tra gli ultimi progetti realizzati -conclude l’esponente di Fi- c’ la tessera Card, grazie alla quale i residenti possono accedere a sconti particolari nei negozi che espongono il rispettivo marchio.”

(Ian/Zn/Adnkronos)