CIAMPI: I MESSAGGI DEL SUO SETTENNATO/ADNKRONOS (2)
CIAMPI: I MESSAGGI DEL SUO SETTENNATO/ADNKRONOS (2)

(Adnkronos) - Dal messaggio del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi del 31 dicembre 2005:

-COSTITUZIONE: “L’essere chiamato a rappresentare l’Italia, a essere garante della sua Costituzione, l’ho vissuto non solo come un altissimo mandato, ma soprattutto come un dovere, una missione. Per questo ho voluto abitare, con mia moglie, sin dal primo giorno, nel Quirinale: da sette anni la mia casa, la casa del presidente della Repubblica, la casa degli italiani”.

“Per questo ho insistito nel richiamare i simboli pi significativi della nostra identit di Nazione, dal Tricolore all’Inno di Mameli, l’inno del risveglio del popolo italiano; e nel rievocare il nesso ideale che lega il Risorgimento alla Resistenza, alla Repubblica, ai valori sanciti nella sua Carta Costituzionale. Per questo ho visitato ogni provincia d’Italia e ho voluto che agli incontri nelle citt capoluogo partecipassero tutti i Sindaci dei Comuni della Provincia”.

-L’ITALIA: “Ho vive nella mente, e ancor pi nel cuore, le immagini delle piazze delle cento province d’Italia, delle 8.000 fasce tricolori dei Sindaci dei Comuni d’Italia, delle tante migliaia di cittadini, di ogni et e ceto, che durante quelle visite si sono voluti stringere intorno al presidente della Repubblica, al loro presidente. Ovunque, nella variet dei panorami, lo stesso spettacolo, lo stesso entusiasmo, lo stesso amore per la propria citt e per la Patria. ll mio lungo viaggio in Italia stato la pi bella esperienza che ha accompagnato l’intero settennato: mi ha dato sostegno, ha alimentato la mia forza morale e fisica. Quello che mi ha sorretto, e che ho cercato di trasmettervi, l’orgoglio di essere italiani”. (segue)

(Bon/Gs/Adnkronos)