COPPIE DI FATTO: COSSIGA, MI INCHINERO' ALLA GERARCHIA CEI
COPPIE DI FATTO: COSSIGA, MI INCHINERO' ALLA GERARCHIA CEI

Roma, 15 mag. (Adnkronos) - ‘’Se la Cei o anche il suo presidente quale Vicario di Sua Santita’ si pronunzieranno in modo diverso dal giudizio espresso da me e dalla collega, io obbediro’ anche in difformita’ al mio personale giudizio e mi adeguero’ a quello della Gerarchia anche nelle votazioni in Parlamento’’. In una lettera al ‘Corriere della Sera’, il senatore a vita Francesco Cossiga, interviene nel dibattito sulla vicenda dei cosiddetti Pacs dopo il richiamo del Pontefice.

Il presidente onorario della Repubblica osserva: ‘’Non ritengo che le parole pronunziate da Papa Benedetto XVI nelle sue allucuzioni recenti in difesa della tipicita’ del matrimonio quale unione stabile e giuridicamente costituita di persone di sesso diverso, aperta alla procreazione, possano di per se’ considerarsi condanna della proposta contenuta nel ‘Programma de l’Unione’, come d’altronde affermato implicitamente sulle colonne di questo giornale da persona che, per cultura teologico-morale, per preparazione scientifica e per posizione istituzionale, ben piu’ autorita’ e rappresentativita’ di me ha nella Chiesa, quale e’ la senatrice della Margherita Binetti, professore di Bioetica nella Facolta’ di Medicina ‘Campus Biomedico’ dell’Opera della Santa Croce, ‘numeraria’ della stessa Opera, Prelatura personale istiutita nell’ambito della Chiesa con giurisdiszione sui suoi componenti e consigliere per le questioni relative alla bioetica del Cardinale Ruini, presidente della Cei’’.

(Pol/Col/Adnkronos)