MOSTRE: TIVOLI RISCOPRE LE RADICI SIRIANE
MOSTRE: TIVOLI RISCOPRE LE RADICI SIRIANE
IN OCCASIONE DEL SUO 3221ESIMO NATALE- LA STORIA DELLA REGINA DI PALMIRA E UN GEMELLAGGIO ALL'ORIZZONTE

Tivoli (Rm), 17 mag. (Adnkronos/Adnkronos Cultura) - In occasione del suo 3221 Natale, il comune di Tivoli, in collaborazione con l’ambasciata della Repubblica Araba di Siria e l’associazione culturale “Altri Mondi”, va alla scoperta delle pi antiche radici della citt con due mostre, “Tivoli – Palmira. Un viaggio lungo 2000 anni” e “Dea Syria”, allestite nelle scuderie estensi dal 21 al 29 maggio, a ingresso libero tutti i giorni dalle ore 9 alle 19. Un Natale di Tivoli dedicato al legame storico millenario con la citt di Palmira, in Siria, che potrebbe portare al gemellaggio tra la citt laziale e quella siriana, un progetto ancora in fase organizzativa cui si stanno dedicando le rispettive amministrazioni.

L’idea nasce allo scopo di stabilire vie di comunicazione culturali, turistiche ed economiche che aprano alla conoscenza reciproca e alla ricerca di radici condivise. Gi nel corso di una missione in Siria nel settembre del 2004, su invito del ministero del Turismo in occasione del Festival della Seta, una delegazione dell’associazione “Altri Mondi” aveva incontrato Soubhi Hameeda, ministro del Turismo e governatore della regione di Homs, gettando le basi del progetto di gemellaggio.

A Tivoli, nel novembre del 2004, le autorit locali e una delegazione del ministero del Turismo della Repubblica di Siria si incontrarono, dando il via alla prima tappa del progetto; sempre a Tivoli, il 19 giugno del 2005, il sindaco Marco Vincenzi, alla presenza di Samir Al-Kassir, ambasciatore a Roma della Repubblica Araba di Siria, ha annunciato l’avvio delle procedure per gemellare le citt di Tivoli e Palmira. (segue)

(Per/Ct/Adnkronos)