M.O.: UCCISA DONNA PALESTINESE DURANTE RAID ISRAELIANO VICINO NABLUS
M.O.: UCCISA DONNA PALESTINESE DURANTE RAID ISRAELIANO VICINO NABLUS
PALESTINESI ACCUSANO MILITARI, ESERCITO NEGA

Ramallah, 21 mag. (Adnkronos/Xin) - Una donna palestinese e’ rimasta uccisa durante un raid dei militari israeliani nel campo profughi di Balata, nei pressi della citta’ settentrionale cisgiordana di Nablus questa mattina. A riferirne sono fonti mediche palestinesi e testimoni, sostenendo che la donna, Aa’esha Abu Musallam, 48 anni, madre di tre figli, e’ stata ferita alla testa e al petto mentre guardava davanti alla finestra cosa stava accadendo all’esterno e seguiva il marito che aveva deciso di uscire di casa per recarsi al lavoro.

Un militare israeliano avrebbe individuato la sagoma della donna dietro i vetri ed avrebbe aperto il fuoco, secondo questa ricostruzione, contestata da parte israeliana. I militari israeliani affermano infatti di non avere mai risposto al fuoco dei palestinesi che li hanno colpiti non appena scattata l’operazione per arrestare alcuni militanti ricercati. Secondo la Radio israeliana, l’esercito ha condotto una vasta operazione di arresti in nottata in Cisgiordania, fermando almeno 6 sospetti appartenenti alla Jihad, a Fatah e Hamas.

(Ses/Col/Adnkronos)