CHIESA: DA MADONNA A DAN BROWN, VATICANO SOTTO I COLPI DELLO SHOW-BUSINESS (2)
Standard Sfoglia
CHIESA: DA MADONNA A DAN BROWN, VATICANO SOTTO I COLPI DELLO SHOW-BUSINESS (2)
NELL'89 LA PROVOCAZIONE DI 'LIKE A PRAYER', L'ALBUM RIUSCI' A VENDERE 15 MLN DI COPIE

(Adnkronos) - Il ‘Confession tour’ di Louise Veronica Ciccone non che l’ultima delle provocazioni contro la Chiesa e il cristianesimo pi in generale offerta al pubblico dall’artista di origini italiane. In fondo si tratta di grandi trovate pubblicitarie e tuttavia il fastidio della Chiesa percepibile anche in questa occasione. Del resto i precedenti in questo senso sono illustri. Il pi strepitoso successo di Madonna, “Like a prayer” del 1989 fece a suo modo epoca, l’album riusc a vendere 15 milioni di copie (il singolo con la canzone del titolo raggiunse la cifra record per gli anni ‘80 di 4 milioni di copie vendute) e si aggiudic 4 dischi di platino Usa.

Fu un trionfo senza precedenti. E proprio nei giorni scorsi, come risulta da un sondaggio realizzato dalla rete televisiva musicale inglese ‘Mtv’, gli spettatori hanno assegnato il titolo di video pi trasgressivo proprio a “Like a prayer”. Cosa succedeva di tanto scandaloso? Madonna baciava la statua di un santo di colore seducendolo e facendolo cos diventare umano; il santo era rappresentato con le stigmate mentre sullo sfondo bruciavano alcune corci. Gi a partire dal 1984 tuttavia Madonna aveva rotto ogni tab trasformando le croci da simboli religiosi in gioielli da portare addosso come tutti gli altri.

Ora la cantante e show-girl americana di lungo corso, esperta e furba promoter di se stessa, sta per toccare Roma dove terr la sua unica data italiana e rilancer la provocazione per vedere se il vecchio gioco funziona ancora. Ma se il caso di Madonna non del tutto nuovo, nei mesi scorsi il film del “Codice da Vinci”, tratto dall’omonimo best-seller di Dan Brown, aveva scatenato la reazione durissima della Chiesa e del Vaticano. Il corpo a corpo fra i vescovi di tutto il mondo e il film di Ron Howard, interpretato da Tom Hanks e Audrey Tatou, stato un evento mediatico in s stesso di formidabile portata e si esteso ai quattro angoli del globo. (segue)

(Fpe/Zn/Adnkronos)